Spedizione Gratuita Per Ordini Da 24,90€

DOVE SVAPARE E DOVE NON FARLO. LA GUIDA PER I VOSTRI VIAGGI E LE VOSTRE VACANZE.

20/08/2019

DOVE SVAPARE E DOVE NON FARLO.

LA GUIDA PER I VOSTRI VIAGGI E LE VOSTRE VACANZE

Le politiche e le leggi atte a regolamentare noi "poveri" vapers, sono cambiate molte volte nel corso del tempo, tanto da aver creato non poca confusione in quanti vorrebbero semplicemente avere poche ma chiarte nozioni. In questo marasma di domande (tante) e risposte (poche e poco chiare) sarà capitato a tutti di sentirsi dire da amici o conoscenti dove si può o non si può svapare (secondo loro) o, ancor più spesso, sarà capitato a chiunque di chiedersi: "ma qui posso svapare o mi devo nascondere". Bene, anche in questo caso la legge italiana qualche risposta ce la dà. A tal proposito vediamo insieme quali sono i luoghi in cui è VIETATO utilizzare i nostri devices:

• nei centri per l’impiego e in quelli che si occupano di formazione professionale; negli istituti scolastici, statali e paritari, anche all’aperto;

• presso gli istituti di detenzione minorili e nelle scuole di comunità di recupero; in tutti gli ospedali. Quindi diciamolo una volta per tutte: La legge NON vieta l’uso delle sigarette elettroniche in locali pubblici, ma rimane la possibilità per gli esercenti o per i gestori di sale e ristoranti, così come per le aziende, di dare indicazioni sulla possibilità o meno di “svapare” in pubblico.

La Commissione per gli interpelli, “in analogia all’orientamento europeo esistente – richiamato anche dal parere n. 34955/CSC6 del 26/09/2012 dell’Istituto Superiore di Sanità – ha deciso di considerare le sigarette elettroniche fuori dal campo di applicazione della direttiva 2001/37/CE in materia di tabacco – in quanto non contenenti tabacco – ritiene che, in mancanza di una specifica previsione normativa, non sia applicabile alle sigarette elettroniche il divieto di fumo previsto dall’articolo 51 della legge n. 3/2003 a tutela della salute dei non fumatori”. Detto e chiarito il fatto che si possa fumare anche in ristoranti e nei locali pubblici (a discrezione dell'esercente o dei titolari delle attività) va anche detto che sarebbe buona norma civile quella di preoccuparsi di chiedere a chi ci circonda se il vapore emesso dalla nostra sigaretta elettronica può dar fastidio. No? In fondo evitare di svapare per 2 ore durante una cena e magari in un ristorante affollato, non dovrebbe essere così complicato.

 

 

 

Passando invece al vaping in viaggio, le normative in italia sono ben più restrittive:

• All’interno degli aeroporti è consentito fumare la propria e-cig ma è assolutamente vietato farlo sugli aeromobili, in qualsiasi fase (decollo, volo, atterraggio, attesa).

• Prima di salire su un aereo e passare i controlli di check-in è bene ricordarsi che la sigaretta elettronica può essere portata nel bagaglio a mano ma senza batterie. Per i liquidi bisogna rispettare le dosi tradizionali di trasporto liquidi, quindi non superare i 1000 ml suddivisi in contenitori da 100 ml cada uno e riporre il tutto in appositi contenitori trasparenti.Per informarsi meglio a riguardo è bene controllare le norme di sicurezza della compagnia aerea con cui stiamo partendo, per evitare problemi al momento dell'imbarco.

• Sui treni non è possibile utilizzare la sigaretta elettronica. Trenitalia e Italo informano i viaggiatori prima della partenza, invitandoli ad utilizzare le apposite aree per fumatori.

• Sui pullman a lunga percorrenza invece non c’è una vera e propria norma da seguire: conviene chiedere prima al personale. Ora che è tutto chiaro su dove, come e perchè, bisogna un attimo riflettere in maniera più oggettiva possibile: è vero, svapare è la nostra passione e ha aiutato tantissimi di noi a smettere di fumare.

La legge ha chiarito dove possiamo utilizzare le nostre sigarette elettroniche (ora sapete cosa rispondere a chi vi snocciolerà "ma qui non puoi usare quell'aggeggio!!!!) ma questo non toglie che (come in tutte le cose) bisogna sempre saper portare rispetto per quanti ci circondano, senza imporre a nessuno di assumere il prodotto delle nostre scelte.

« Indietro
© Developed by CommerceLab