Spedizione Gratuita Per Ordini Superiori a 59,00€

L'atomizzatore perde liquido?

30/07/2018

A volte può capitare, tiri fuori di tasca la tua sigaretta elettronica per una bella svapata e....te la ritrovi tutta bagnata di liquido.

L'atomizzatore perde per l'ennesima volta e il tuo primo istinto è quello di testarne le doti aerodinamiche: sì insomma, lanciarlo più lontano che puoi, per la frustazione. Non disperare, il più delle volte il tuo atom ha ragione, c'è un motivo per cui perde e si può risolvere facilmente.

Premessa: ci sono atomizzatori che tendono a perdere di loro, non ci puoi fare nulla. In genere gli atomizzatori polmonari estremi con aria dal basso hanno più probabilità di perdite, proprio per la loro conformazione. Non confondiamo però le perdite vere e proprie con i trafilaggi: gli atom polmonari tendono ai trafilaggi, c'è poco da fare....per le perdite invece c'è (quasi) sempre un rimedio, analizziamo insieme i vari sospettati!

Il liquido

Sembra banale, ma il più delle volte la causa delle perdite è proprio il liquido: se usi un liquido 50/50 su una iJust 3 (per esempio) quello perderà quasi di sicuro. Il liquido è troppo fluido per  le testine studiate per lavorare con liquidi densi, il cotone non riuscirà a trattenere il liquido e questo si riverserà piano piano nei condotti aria. Valuta inoltre la temperatura ambientale, se vai in spiaggia in Sicilia ad Agosto il tuo liquido 70/30 sarà decisamente meno denso del solito, con probabili perdite dell'atom.

La coil (o la testina)

La coil va avvitata e stretta alla base del tuo atom, ma non stringere in modalità "Hulk": è sufficiente che la coil sia a fondo corsa e che l'oring faccia tenuta. Vale poi il discorso fatto prima, valuta che coil montare in base al tipo di liquido che andrai a svaparci. Ci sono comunque coil che tendono a perdere, come per esempio quelle del TFV12 di Smok; non è colpa loro però, sono studiate per lavorare a Wattaggi estremi e devono quindi assorbire una grande quantità di liquido nel minor tempo possibile, è ovvio che qualcosa di troppo lascino passare. Controlla poi che la testina si avviti dritta e arrivi a fondo corsa in asse, se così non fosse le perdite sono assicurate!

Vogliamo parlare della coil qui sopra? Tralasciando il sapore orrendo che sicuramente rilascia ad ogni svapata, un cotone in quello stato perde gran parte della sua capacità di trattenere/assorbire liquido. Quindi, man mano che la coil si usura perde la sua capacità di veicolare correttamente il liquido: una testina a "fine vita" è spesso la causa principale di pesanti trafilaggi e perdite.

In ultimo, regolate la potenza e l'aria in accordo alla coil montata: poca potenza e aria troppo chiusa (se il tuo tiro è molto "forte") causano perdite in quanto andrai a risucchiare più liquido di quanto ne farai evaporare.

O'ring

Altra "bestia nera" delle perdite. Un tank per lavorare correttamente deve essere stagno, se qualche o'ring è pizzicato, rotto, logoro...il serbatoio non è più sotto vuoto e perde, assicurato. Quindi controlla sempre attentamente tutti gli o'ring, controlla che non ci siano crepe o sbeccature nel vetro del tank: qualsiasi cosa che permette all'aria di infiltrarsi nel serbatoio è causa di perdite. Nel dubbio....sostituisci tutti gli oring!

Il riempimento

Stesso concetto espresso sopra, quando apriamo l'atomizzatore (carica dall'alto) la gravità inizia a fare quello che fa di solito, tirare le cose verso il basso: mancando il "sotto vuoto" del serbatoio il liquido segue la sua strada attraverso la coil e fuori dalle prese aria. Quindi, sempre chiudere l'aria e se possibile il controllo del liquido prima del refill ed evitare di reimpire il tank fino all'orlo.

Già, la bolla d'aria che si crea tra il liquido e la parte superiore dell'atomizzatore è di vitale importanza per tenere il liquido dentro al serbatoio ed evitare perdite.

In piedi o sdraiato?

Geometria spiccia, l'atomizzatore va tenuto dritto, in piedi! Se lasciato sdraiato per un po' di tempo vi perde, provare per credere.  Se riponi la tua sigaretta elettronica in borsa cerca di metterla in una tasca interna o in una posizione in cui stia dritta.

La pulizia

Un atomizzatore pulito è un atomizzatore che funziona bene. Tenere pulito il dispositivo è una questione innanzitutto di igiene, ma anche di efficienza; smontare l'atom per pulirlo significa controllare le sue parti, gli o'ring, il vetro. Un atomizzatore in perfetto stato ti regalerà le stesse sensazioni e la stessa "solidità di svapo" di quando era nuovo, per anni.

E i rigenerabili?

Tutto il discorso fatto vale sia per gli atomizzatori a coil prefatte sia per i rigenerabili (tranne il punto riguardante le testine).

La prima causa di perdite in un rigenerabile è la cattiva cotonatura; se metti poco cotone, se lo posizioni male, se lasci in giro "baffetti" che spostano il cotone quando apri e chiudi il liquido....il tuo atom perderà sicuramente. Ma non dimenticare gli o'ring e il vetro/tank, anch'essi probabili colpevoli se rovinati.

Ti racconto una mia disavventura personale, quando sono impazzito con un rigenerabile: atom nuovo di pacca, smontato e controllato che tutto fosse in perfetto stato, lavato ad ultrasuoni, rigenerato alla perfezione. Chiudo tutto, riempio col liquido, riapro i vari controlli e....si svuota in tempo zero. Inizio ad aprire, a controllare il cotone ma non si è mosso, controllo gli o'ring alla base del deck, quello di chiusura....tutto in ordine. Chiudo tutto di nuovo, riempio col liquido e.....si svuota al secondo tiro. Alla fine che scopro? il vetro durante il lavaggio ad ultrasuoni si era leggermente crepato, una cosa invisibile, una crepina che tra l'altro (sfortuna) si era infilata giusto dietro una parte metallica del tank,  ma che mi ha fatto penare per una mezz'ora! Sostituito il vetro il mio rigenerabile ha funzionato a meraviglia.

Tutto questo parlare di atomizzatori non ti ha fatto venire voglia di dare un occhiata alle nostre proposte?

guarda qui!

 

 

 

Download attached document

« Indietro
© Developed by CommerceLab